Italiano English
Edit History Actions

OpenVPN

OpenVPN (anche con RIP)

/!\ Attenzione: attualmente le VPN di ninux.org utilizzano tinc come client e non OpenVpn. Fare riferimento alla pagina TincVPNItaliano /!\

Questo documento intende dare una rapida spiegazione a chi gia conosce la teoria dietro le VPN ed il protocollo RIP per implementare praticamente con 2 servers linux un tunnel che attraversa una rete pubblica e collega 2 reti private. In questo howto vedremo come collegare 2 reti creando un link punto punto in vpn tra le due reti usando l’implementazione openvpn, e come successivamente scambiare in modo dinamico le rotte delle due reti usando il protocollo RIP. In questo HOWTO sono stati utilizzati 2 servers ai capi del tunnel VPN con sistema operativo Linux UBUNTU (Debian).

Per prima cosa installiamo OpenVPN


apt-get install openvpn

(Per altre distribuzioni Gnu/Linux cercare la documentazione relativa)

Dopo aver installato il software, dobbiamo creare prima di tutto la chiave privata per l' inizializzazione del tunnel.

openvpn --genkey --secret key.txt


Una volta creata la chiave segreta e posizionata dentro  /etc/openvpn/ , (occhio la dobbiamo mettere in entrambe le macchine la chiave privata) dobbiamo creare il file di configurazione per il server (  /etc/openvpn/nomefantasia.conf  ).

dev tap
secret /etc/openvpn/key.txt
ping 10
verb 1
mute 10
ifconfig 10.0.1.1 255.255.255.252
lport 5002


La configurazione del gateway VPN (client) è identica a quella vista precedentemente. Ovviamente dobbiamo copiare la chiave segreta e posizionarla nella directory  /etc/openvpn/  e creare il file di configurazione (  /etc/openvpn/nomefantasia2.conf ), che deve essere di questo tipo:

remote ip.pubblico.del.server
rport 5002
dev tap
ifconfig 10.0.1.2 255.255.255.252
secret /etc/openvpn/key.txt
ping 10
verb 1
mute 10


Non ha nessuna importanza chi fa il client e chi fa il server.
Ovviamente nel caso che solo una delle 2 macchine dispone di IP pubblico sarà quella che deve fare il server. La macchina server deve ascoltare sulla porta 5002 UDP, od un'altra porta udp che basta cambiare nei files di configurazione che sono stati mostrati prima. A questo punto il tunnel gia funziona, ed ubuntu vi fornisce gia anche lo script
 /etc/init.d/openvpn  per farlo partire, fermarlo, o riavviarlo.

Ora esiste il tunnel, ma per far si che sia utile ai computers in rete dobbiamo far si che si conoscano le rotte. Ammettiamo che i nostri endpoints del tunnel siano anche i GW delle 2 reti che abbiamo collegato (se non è cosi dovete attivare RIP anche sui GW, molti router modem ADSL hanno questa possibilità!)

Installiamo il software quagga

apt-get install quagga

(Per altre distribuzioni linux cercare la documentazione relativa)

Adesso andiamo in  /etc/quagga }che è l’unica directory dove dobbiamo lavorare per far funzionare tutto. Editiamo il file daemons e passiamo da “no” a “yes” i demoni zebra e ripd Poi dobbiamo creare in  /etc/quagga  i files zebra.conf e ripd.conf e dare i permessi proprio come scritto nei commenti all’interno del file daemons, ecco la sequenza di cose da fare:

touch zebra.conf
touch ripd.conf
chown quagga zebra.conf
chown quagga ripd.conf
chgrp quaggavty zebra.conf
chgrp quaggavty ripd.conf
chmod 660 zebra.conf
chmod 660 ripd.conf


Lasciamo il file zebra.conf vuoto, mentre dentro a ripd.conf scriviamo:

router rip
network eth0
network tap0


dove dobbiamo aggiungere una riga “network” per ogni interfaccia di rete del nostro serve dove vogliamo che venga utilizzato il protocollo rip.
Con questa semplice configurazione il server impara tutto quello che arriva, e insegna tutto quello che sa! Per iniziare il tutto su entrambe le macchine facciamo  /etc/init.d/quagga restart .


Questo documento è ancora molto grossolano perché il tutto è stato fatto ieri e ci sono molte cose che devo capire meglio a fondo anche io. A tutti quelli che si metteranno a smanettare su queste cose, li prego tanto di scrivere un paio di paginette come ho fatto io in modo che il lavoro non vada perduto !!!! Bella! Saverio

Note su Gentoo Linux

Gli script di init.d per OpenVPN di Gentoo funzionano cosi: mettete i vostri files di configurazione dentro

/etc/openvpn (sono i files con estensione .conf)

quindi ad esempio vpn1.conf e vpn2.conf ora dovete creare dei symlinks di

/etc/init.d/openvpn nel seguente modo:

ln -sf /etc/init.d/openvpn /etc/init.d/openvpn.vpn1
ln -sf /etc/init.d/openvpn /etc/init.d/openvpn.vpn2

In realtà quindi/etc/init.d/openvpn non lo userete mai, ma avete uno script di start stop indipendente per ogni VPN configurata sulla macchina.

Per lanciare al boot le vpn quindi:

rc-update add openvpn.vpn1 default
rc-update add openvpn.vpn2 default

OpenVPN con uso dei certificati

Questa sezione è ancora incompleta, per ora contiene solo delle note Per prima cosa generare la coppia pubblica/privata di chiavi RSA a 2048 bit del nuovo peer

(Questi primi tre steps di solito li esegue chi gestisce il server, contattate ZioProto per collegarsi in VPN con Ninux.org)

openssl genrsa -out nuovopeer.key 2048

Creare ora una richiesta di certificato (CRS) da far firmware alla Certification Authority (CA)

openssl req -new -key nuovopeer.key -out nuovopeer.req

Facciamo firmare alla Certification Authority la CRS In questo comando dobbiamo passare il file del certificato della CA ed il file con la chiave privata della CA che usiamo per firmare.

openssl x509 -req -in nuovopeer.req -CA zpslackca.pem -CAkey zpslackca.key
-set_serial xx -out nuovopeer.crt -days 365

(da qui andate avanti una volta che avete ricevuto i files da ZioProto)

Finito di generare chiavi e certificati ecco la configurazione di OpenVPN per il nuovo peer

tls-client
dev tap
ca zpslackca.crt
cert nuovopeer.crt
key nuovopeer.key
remote zioproto.ninux.org
ping 10
verb 1
mute 10
ifconfig IL_TUO_IP 255.255.255.0 #Vedi nota subito sotto
rport 5002

Nota: usa la paginaGestioneIndirizzi per prenotare un IP

quindi sul nuovo peer servono 3 files: certificato della CA, proprio certificato + chiave

La configurazione del client finisce qui :)

OpenVPN tramite server Norimberga

Vediamo come connettersi al server VPN di Ninux per quei collegamenti impossibili da realizzare tramite wireless punto-punto. Una volta che abbiamo ottenuto i certificati da ZioProto passiamo alla configurazione del client VPN:

vim /etc/openvpn/ninux.vpn

e copiamoci queste righe di codice

tls-client
dev tap
ca zpslackca.crt
cert nuovopeer.crt
key nuovopeer.key
remote zioproto.ninux.org
ping 10
verb 1
mute 10
ifconfig IL_TUO_IP 255.255.255.0 #Per indirizzo IP vedi nota subito sotto
rport 5002

Nota: INDIRIZZO IP: Usa la pagina GestioneIndirizzi per prenotare un IP. (dovrà essere nella forma 10.0.1.X) ora possiamo lanciare la vpn facendo

openvpn /etc/openvpn/ninux.vpn

se lanciando il comando leggiamo tra le righe:

Sat Jan  1 00:02:14 2000 VERIFY ERROR: depth=1, error=certificate is not yet valid

allora vuol dire che dobbiamo rimettere apposto l'orologio del client esempio:

date mese giorno ora minuti anno

senza spazi!! Rilanciamo il comando

openvpn /etc/openvpn/ninux.vpn

dovrebbe andare tutto a buon fine

Problemi Comuni

Se avete problemi con il dispositivotun la maggior parte delle volte ve la cavate con

modprobe tun