The following 148 words could not be found in the dictionary of 1275 words (including 1275 LocalSpellingWords) and are highlighted below:
abitava   accedere   accresciuto   Ali   ancora   armate   arrivate   attivati   attivista   aumentata   avendo   aveva   Ben   bps   broadcast   byte   campo   cartello   cellulari   censura   centrali   chiamare   cio   circa   citazioni   co   collegamenti   collegarsi   comunicazioni   connessioni   contagiato   convertire   cose   creato   dalle   dell   dial   dice   digitali   direttamente   disattivati   disconnesso   dove   ed   Egitto   egiziana   elenco   equivale   erano   esteri   facebook   fail   famiglia   febbraio   fi   finche   fisico   forze   frutta   fuoco   fuori   gennaio   gente   Ghonim   giorni   giorno   google   Google   ham   hanno   internazionali   interno   interrotte   jazeera   laureato   legate   lo   malcontento   manager   mancanza   manifestanti   messaggi   modem   molte   mondo   Mubarak   mubarak   nei   numeri   parecchio   parlare   password   permettere   possibili   posti   poteva   pro   proteste   provider   pubblico   punti   puo   Qualcuno   qualcuno   radioamatori   rapito   resto   reti   riattivate   ripiegato   rivoluzione   ruolo   satellitari   scambiati   scatenato   siccome   sparso   speech   state   stati   stato   stile   streaming   strozzata   successe   telecomix   telefonico   to   tolto   Tor   tornata   Trovare   Tunisia   tweet   twitter   up   usate   uscire   utenti   vendita   veniva   venivano   via   video   vita   wi   wikileaks   youtube  

Clear message
Italiano English
Edit History Actions

InternetInEgitto

Internet e la rivoluzione egiziana

Un elenco sparso di cose successe dal 25 gennaio all'11 febbraio 2011 legate all'Egitto ed al mondo delle reti.

TODO: Trovare le citazioni

  • un giorno (il 25 o 26) la gente che abitava nei posti dove c'erano le proteste ha tolto le password al wi-fi per permettere ai manifestanti di collegarsi
  • l'Egitto e' stato disconnesso dal resto di Internet per 1 giorno (circa)
    • sono state riattivate le BBS a cui collegarsi tramite modem direttamente
    • sono stati attivati numeri di dial-up internazionali da alcuni provider esteri
    • all'interno dell'Egitto erano ancora possibili le comunicazioni via rete, anche tra utenti ma siccome i messaggi venivano scambiati tramite punti centrali al di fuori dell'Egitto (twitter e facebook), di fatto le comunicazioni tra manifestanti erano interrotte
  • qualcuno (telecomix?) ha attivato dei collegamenti digitali via ham radio
  • google e twitter, insieme ad un'altra co (nome?) hanno creato un servizio di tweet to speech con il quale la gente poteva chiamare un numero telefonico e parlare e convertire in tweet cio' che veniva detto
  • sono state usate anche connessioni satellitari per uscire fuori
  • ad un certo punto Internet e' tornata ma strozzata a 16K (byte o bps?). Qualcuno dice che questo equivale di fatto a una censura, in quanto non si puo' accedere alle informazioni tempestivamente
  • la gente che utilizza Tor e' aumentata parecchio
  • anche i cellulari di alcuni manifestanti sono stati disattivati
  • molte comunicazioni, sia pro mubarak che dalle forze armate sono arrivate in broadcast SMS a tutti i cellulari
  • un manager di Google Egitto ed attivista, Ghonim, e' stato rapito per 12 giorni
  • ruolo dei radioamatori?
  • cartello (fisico) tra i manifestanti: "Mubarak #fail"
  • ruolo di wikileaks. si dice che avendo reso pubblico lo stile di vita di Ben Ali e famiglia in Tunisia, ha accresciuto il malcontento finche' un laureato che per mancanza di lavoro nel suo campo aveva ripiegato sulla vendita di frutta si e' dato fuoco. Questo ha scatenato le proteste, che dalla Tunisia hanno contagiato l'Egitto
  • youtube: video dai manifestanti e al jazeera in streaming